Rape che si odiano a morte: questo è Dodgelings!

Dodgelings credo sia uno dei giochi più demenziali che abbia mai visto – due rape che cercano di farsi fuori a vicenda, in 5 round –  e costituisce per me grande motivo di orgoglio aver collaborato anche se marginalmente alla sua creazione.

Rape d'assalto
Rape, che altro?

Ciò, invece, costituirà per voi meravigliosi lettori un ulteriore motivo per stare alla larga da questo sito e dal sottoscritto, ma questo è un rischio calcolato.

Pur limitandomi a due interventi di lieve entità (un loop sgangherato con qualche “lick” lievemente jazzato, e il sound design degli spari), debbo dire che il breve periodo di preparazione di questo giochino è stato per me molto divertente, e mi auguro che esperienze edificanti di questo tipo si ripetano ancora, saecula saeculorum.

Come cavare sangue da una rapa

Dodgelings: un po' di istruzioni
Succulente istruzioni

La meccanica del gioco è molto elementare, e si basa su pochi semplici concetti:

  • due giocatori
  • due livelli di difficoltà (normal: proiettili lenti, sniper: proiettili veloci)
  • logica di controllo “one tap”: con un unico tocco la nostra rapa cambia direzione e lancia un proiettile letale verso la rapa avversaria, pilotata dal secondo giocatore
  • se schivi, vivi
  • occorrono 5 punti per decretare la vittoria finale

Inoltre, nonostante il valore nutritivo della rapa sia piuttosto scarso (circa 4% di glucidi, il 74-81% è composto da acqua e alcuni sali minerali), e il sapore faccia davvero cagare, è tuttavia possibile dilettarsi con Dodgelings anche in assenza di connessione internet.

Per concludere…

Non mi dilungo oltre, e vi lascio fra le due abnormi radici ideate e programmate dall’ineffabile Rocco Salvetti e disegnate magistralmente dall’altero Ben Ho.

Entrambi, dall’alto della loro immensa saggezza, vi salutano tanto facendo ciaociao con le manone sante.

Dimenticavo: è gratis!

#Android, su Google Play: https://play.google.com/store/apps/details…

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *